Dominus Dedit

 

"Dominus Dedit", Lorenzo Barberis 2010


Ieri giro a Piazza per l'apertura del sabato della Biblioteca Civica - altro effetto della Mondovì Renaissance, a quanto pare. Fotografato un palazzo vicino al mio vecchio liceo, dotato di un inquietante ciclo decorativo in totale declino, nonostante vi risiedano personalità importanti della Mondovì ermetica. E poco prima un antico palazzo risultava totalmente sventrato, benché anche qui nelle mani di altra figura eminente dell'elite monregalese. Il ciclo figurativo documentato, comunque, è particolarmente interessante. In cima alla colonna corinzia centrale due serpenti in strana forma geometrica fanno presumere un valore simbolico della colonna quale Arbor Mundi, l'asse del mondo coi due serpenti avvinti attorno del mito classico. le finestre del primo piano presentano due pesci-drago che, similmente, convergono su un albero da cui emerge una corona; le finestre del secondo piano mostrano una sirena, nella figurazione gnostica per cui la coda bipartita rimanda all'unificazione del due nell'uno, circondata da una luna accompagnata dal cane e dalla civetta. Sul portale, campeggia la scritta "Dominus Dedit", "Ce l'ha data - si presume la casa - il nostro Signore"; un riferimento criptico, che potrebbe rimandare a Dio, che veglia sulla casata, oppure a un signore feudale cui il proprietario del palazzo era tributario, oppure ancora un Dominus più oscuro e proprio per questo evocato con reticenza. Comunque, immancabile, sullo stemma di pietra campeggia un bafometto. Un ciclo estremamente complesso e stranamente simile, in certi aspetti, ad elementi di quello concepito per il Cinema Italia - ovviamente, poi distrutto, come ho già avuto modo di dire - dal grande pittore monregalese Ego Bianchi. In particolare, i volti lunari sul decoro delle finestre mi ricordano il "SoLune" che è stato conservato, anche se marginale, sulla facciata del nuovo stabile che ha preso il posto del Cinema Italia. Parallelismi e simboli da approfondire, benché ormai sul punto di scivolare per sempre nel mare dell'ermetica nebbia dei tempi...

Post più popolari