The Mazda God


Sto effettuando ricerche sul Mazdeismo per un mio progetto saggistico sulla grande Eresia Aliena, quindi posto questa bella immagine di Ahura Mazda, il dio solare dei Persiani, derivato presumibilmente dall'Aton egizio e dalla sua ricezione ebraica, e ripreso anche, già dal 1931, dalla corporazione automobilistica giapponese Mazda (che ha costruito anche, a Genova, Torino e Milano gli inquietanti e pagani Mazda Palace). Non so se ne ricaverò mai qualcosa, ma volevo alternare un po' le consuete foto di scorci monregalesi, che da domani riprenderanno.

Ieri ho scoperto che la mia casa, che da sempre mi affascinava per un certo suo rigore costruttivo di sapore fascista, è in verità Villa Lubatti, la casa che si era edificato il costruttore di Corso Italia, il principale corso di Mondovì Altipiano. Per essere la dimora di uno degli imprenditori edili che sicuramente più si è arricchito cavalcando il boom edilizio (lo scrittore Vertone liquidava con lo snobismo dei ricchi il nuovo quartiere come una "fungaglia velenosa") è insolitamente sobria, quasi modesta. Ad ogni modo un nuovo tassello nella mia cognizione della Mondovì esoterica.

Inoltre, visto sabato Road To L, l'interessante documentario su Lovecraft in Italia, nel Polesine, alla foce del Dio Po, alla ricerca dei misteri dell'antico paganesimo italico da utilizzare quale fonte dei suoi saggi. Interessante ed allusivo, ma nessuna rivelazione succosa. Forse Lovecraft non doveva recarsi al termine del tortuoso serpente fluviale, nell'idra del delta così simile a quello del Nilo, ma piuttosto alle sue origini, presso le nostre parti. E la storia sarebbe stata diversa.

Post più popolari