Mundus Vicus, Caput Mundi


(Uno dei miei soliti pezzi ironici sull'esoterismo cuneese. Disclaimer: non prendete il tutto come oro alchemico colato, ma come un puro gioco letterario, nel segno del Pendolo di Foucault!)

Ho avuto da poco occasione di fare il quadro su Adro, dove si gioca una partita essenziale della politica nazionale basata su un simbolismo esoterico, quello del Sole delle Alpi, più collegato a Mondovì di quanto si possa immaginare.

Rimando al mio post sull'argomento per comprendere come la città sia al centro di un perfetto "esacolo" di allineamenti astrologici; aggiungo inoltre di aver scoperto che la Lega Nord di Mondovì, che condivide con me la presenza su Blogspot, dedica nel suo blog un ampio e interessante excursus sul simbolo solare, ovviamente in sostanziale difesa del diritto del sindaco Adro a utilizzarlo (forse il più sagace ermeticamente è stato Bossi, il quale ha ricordato che bastava usare uno solo Sole, invece di fargli perdere forza simbolica nella dispersione su circa 700 - 666? - realizzazioni). Nel mio post sottolineavo inoltre come un Esacolo sacro pare pure il Cerchio Magico che circonda il Senatore.


Torno ora sull'argomento, avendo appreso dalla Stampa di oggi che "la partita si gioca su Cota": se il presidente regionale leghista - che la stampa identifica come il vero delfino di Bossi - cade per i ricorsi della Bresso, cadrebbe il governo. Queste le dichiarazioni, perlomeno, di Calderoli, che al Piemonte è collegato proprio tramite la provincia di Cuneo, di cui la moglie Gianna Gancia (da cui la copertina del post) è divenuta la più giovane presidente donna d'Italia.  Come ai tempi del Giolitti, l'epicentro della politica nazionale si riavvicina nuovamente a Mondovì.

Post più popolari