Alpha Experiment

A quanto pare, il super-acceleratore di particelle di Ginevra avviato due anni fa ha prodotto i primi risultati, generando per due decimi di secondo i primi atomi di antimateria, l'anti-idrogeno. L'antimateria ginevrina, protagonista anche del pur modesto romanzo "Angeli e Demoni" di Dan Brown, è sicuramente il vertice di quell'alchemismo moderno che è la fisica nucleare nelle sue frontiere più avanzate. Il Big Bang, la grande esplosione dell'Uovo Cosmico che ha generato l'universo (in questo, la scienza moderna ritorna su tesi già care a varie tradizioni ermetiche, come quella egizia in particolare) ha difatti prodotto materia e antimateria, ma solo la prima domina l'universo a noi conosciuto. Forse ora scopriremo se davvero è così, e perché. A meno che il nuovo acceleratore di particelle non finisca per produrre quel buco nero incontrollato tramite gli enormi campi elettromagnetici che esso genera, causando la fine del mondo entro il 2012, come ipotizzato da alcuni scienziati (è il caso di dirlo) più apocalittici. Nella foto di copertina del post, l'acceleratore elettromagnetico in questione.

Post più popolari