Vampire Wars























La nuova tematica emergente di questo blog nel nuovo decennio aperto dal 2011 è il tema vampirico, suscitato non tanto dal modesto "Twilight" (2008) ma dal gioco della Zynga, Vampire Wars (2009), i cui vampiri bevono, eccome, il sangue umano. Il gioco - di cui prima o poi devo decidermi a stendere una guida - è gustoso a mio avviso soprattutto per la raffinata ironia della grafica e per la sua divertente attenzione ai minimi particolari. Questa schermata, il logo della pagina del gioco su Facebook, raffigura in primo piano due eleganti vampiri: la donna ha appena morso il suo efebico compagno, iniziandolo ai piaceri della Masquerade. Per ribadire il riferimento al rolegame del 1991, i due indossano maschere veneziane che richiamano il mascheramento, la dissimulazione vampirica. Ma alcuni minuziosi particolari ci fanno cogliere il vero volto dei succhiatori di sangue: la testina di Nosferatu che decora la V in primo piano rimanda al simile Nosferatu che si cela sullo sfondo, nascosto dai tendaggi delle ragnatele con relativi ragni che lo coprono quasi interamente (ne vediamo però l'occhio vacuo emergere al centro della scena). In basso, il logo della Zynga, con anche la silohuette del cane omonimo del fondatore. Anche il resto del gioco richiama tale gioco di specchi dell'identità vampirica nell'elevata qualità grafica delle illustrazioni. Avremo modo di tornarci prossimamente.

Post più popolari