Black Gulliver

Gulliver (2011)

Visto ieri il "Gulliver's Travel" (2011) di Jack Black, film fantastico per ragazzi nel complesso gradevole: il classico film alla Jack Black, senza delusioni e senza sorprese. Interessante al limite l'idea di attualizzare le vicende gulliveriane, e di sfruttare l'ovvio triangolo delle Bermuda per giustificare il suo accesso alla dimensione parallela. Con alcune finezze: nella scena iniziale, ad esempio, in cui Black Gulliver è imprigionato sul bagnasciuga dai lillipuziani, i colori dei vestiti del protagonista corrispondono in modo corretto a quelli del testo storico, pur modernizzati.

Poi, ovviamente, il mondo fantastico dei viaggi gulliveriani di Swift (1726) è ridotto come al solito al solo Lilliput, con giusto una spruzzata dei giganti di Brobdignag. La cosa più curiosa è il mix di estetica ancien regime e di tecnologia vagamente steampunk attribuita ai minuscoli regnicoli, che porta i Blefuschiani - gli irriducibili nemici di Lilliput - a sviluppare il per loro ciclopico esoscheletro potenziato di copertina; Ma ci sono anche una barriera anti-invasione, tute da palombaro e lo stesso Black-Gulliver è imprigionato in una sorta di esoscheletro più rudimentale che permette di controllarlo come un automa. Quest'ultima trovata è probabilmente un'evoluzione del classico imprigionamento di Gulliver citato prima, e forse in quest sviluppi fantascientifici c'è anche un omaggio ai fantastici automi del Settecento ed alla swiftiana isola di Laputa, qui purtroppo assente.

Nel contesto di un blog ermetico come questo, non posso fare a meno di ricordare come Jack Black (è il suo reale nome, essendo nato Jacob Black nel 1969) sia considerato uno degli esponenti di punta del pop-rock occultamente satanico dai conservatori religiosi. Di religione ebraica (come i conservatori non mancano mai di evidenziare...) nel 1993 Black in effetti fonda i Tenacious D., i Diavoli Tenaci potremmo dire, un gruppo rock basato su uno stile comicamente satanico, dal voluto intento di scandalizzare i clerico-borghesi; gruppo divenuto famoso nel 1999, con l'avvio di un programma televisivo, e che ha inciso il suo primo disco nel 2001, dalla cover che cita il diavolo dei tarocchi crowleyani in modo in fondo abbastanza scontato.


Il successo mondiale col film "School of Rock" nel 2003 porta ovviamente i reazionari a sospettare Black della solita opera di divulgazione diabolica agli innocenti; nel 2006 il film sui Tenacious D rivela il comicsatanismo dl Black nella ricerca del plettro del Diavolo, il maledetto graal del rock-blues. Nel 2008 Black interpreta anche Gesù Cristo in una commedia pro-gay dove lo fa pronunciare in favore delle unioni omosessuali.


Nel 2009 c'è il passaggio al videogame, con "Brutal Legend" della E.A., dove il protagonista, un rocker dal volto di Jack Black, si ritrova in un mondo dove tutte le profezie negative sul black metal si sono realizzate: una stirpe di demoni domina l'umanità e fan e cantanti metal sono loro adoratori e sacerdoti. In questo Gulliver del 2011 l'elemento occultistico è più sfumato, ma Jack Black comunque porta a corte i concerti dei Kiss (per marziani e affini, gruppo del 1972 che è fra i pionieri del rock diabolico...) e alla fine pacifica i buoni lillipuziani  blu coi diabolici blefuschiani rossi, dallo stemma dichiaratamente "satanico". Quindi il buon Black sarebbe più una sorta di gnostico, mirante alla concordantia oppositorum, più che un satanista dichiarato. Ma è legittimo che per i conservatori religiosi non si accetti la differenza.

Post più popolari