Augustus


Augustus in Civilization IV

Ritornati dalla vacanza a Firenze, inizia un nuovo mese del blog. L'ultimo per cui fornirò l'etimologia ermetica del mese, in quanto da Settembre a Dicembre i mesi sono puramente numerali. Agosto, assieme a Luglio, è uno dei due mesi introdotti con la riforma del calendario appunto giuliano, dovuta a Giulio Cesare e perfezionata dal nipote e figlio adottivo Augusto, che appunto consacrò se stesso in questo mese. Cesare ed Augusto così ascendevano al massimo onore astrologico degli dei antichi, quelli di essere integrati nelle ricorrenze del calendario. Dopo Giano, i riti purificatori dei Februa, Marte, il mens aprilis dell'anno astronomico, Maia e Giunone, i due personaggi che segnano la transizione dalla Repubblica romana all'Impero divengono così le ultime due figure mitiche inserite nella scansione mensile dell'anno, lasciando vuoti (e scalati incongruamente di due posti) i rimanenti quattro mesi. Due mesi rituali come Februarius e Aprilis; due mesi dedicati alle grandi madri come Maggio e Giugno, due mesi dedicati a dei guerreschi come Marte e Giano (dio di ciò che inizia, e dunque l'anno ma soprattutto le guerre che si preparano con l'avvicinarsi della bella stagione) e i due sovrani suddetti. Sei mesi vuoti (dato che febbraio e aprile non sono comunque sacri a un dio) e sei mesi consacrati, due a dei maschili, due a dee femminili, e due alla figura (in sè neutra, trascendente in definitiva la singola persona) dell'Imperator. Una formulazione archetipa perfetta, dietro l'apparente casualità della designazione dei mesi. Se Cesare fu ancora più polisemico nell'identificare kaiser, czar e varie forme di Cesari nel corso della storia, il nome di Augusto, epiteto e non nome proprio, conteneva in sé il significato stesso di "grande", il massimo titolo per un imperatore variamente declinato anche come "magnus" o "magnificus". Non a caso, nel quarto capitolo di Civilization di Sid Meyer, il massimo strategico della storia del videogame, Augusto prende il posto di Cesare come possibile leader del potente e fondamentale impero romano.

Nei prossimi post mi dedicherò alla pubblicazione delle migliori foto del viaggio a Firenze e Pisa, con post più dettagliati ad integrare il post sintetico di ieri. Con la conclusione di Luglio, si segna per la prima volta una significativa flessione del blog, forse dovuto anche all'assenza di nuovo materiale nell'ultima settimana di vacanza, e al tentativo di passaggio all'inglese su cui ritengo per ora di soprassedere, dato che le statistiche del flag counter mi hanno confermato un 90% di utenti italiani (il flag counter attesta ormai comunque oltre quaranta diverse nazioni entrate in contatto col blog, prevalentemente europee). Ad ogni modo siamo comunque sopra le cinquemila visite mensili, circa duecento visite giornaliere, una media che ritengo pienamente rispettabile per i mei interessi.

Post più popolari