Piccole Apocalissi Quotidiane


Luis Royo, "Apocalipse"

A quanto pare la data di oggi è una delle tante possibili Apocalissi attese nei dintorni del 2012, di cui abbiamo già parlato. Probabilmente l’apocalitticità della data è data, per usare un gioco di parole, proprio dalla sua alternanza di 2, 1 e 0, un codice trinario che vede ripetersi due volte lo zero, il due e l'undici. Il codice apocalittico può essere dunque scomposto come  2 – 11 – 0  - 2 -  0 – 11.  Inoltre, la nostra piccola apocalisse quotidiana si accompagna alla morte di Gheddafi (avvenuta il giorno prima: siano nel “giorno uno” del dopo-Gheddafi) che, in qualche modo, completa la transizione delle rivolte arabe di questo 2011 con la caduta del più resistente dittatore che vi si era opposto. 2110 = 2011.


A questo punto, però, come data d’Apocalisse molto meglio l’11 / 11 / 11, che ha il senso apocalittico perfetto di un nuovo inizio (tutte le cifre del calendario settate sull’uno). E si può combinare perfettamente con i sei numeri dell’orologio digitale, 11.11.11.  Naturalmente, questo giochetto veniva bene con tutti gli Anni Zero (resettando, col nuovo Eone, le cifre del millennio), a partire da quell’1-1-1 che ha dato il via al millennio. Una particolare attenzione ottenne il 6-6-6, per le sue ovvie implicazioni apocalittiche, e da allora si evidenziarono anche, con minore enfasi, le coincidenze di altri anni (l’8-8-8, ad esempio, venne visto da molti come beneaugurale e adottato per battesimi, matrimoni, ricorrenze). Assieme a un amico avevamo pensato di sfruttare il 10 – 10 -10 per una mostra per il centenario della morte del nostro adorato genius loci Schiaparelli (lo scopritore dei marziani). L’11-11-11 presenta il vantaggio di una sestuplice ripetizione dell’1, rispetto alle tre ripetizioni numerali delle altre date.

Quindi verso le 11 dell’11 novembre possiamo attenderci un qualche evento apocalittico? Probabilmente sì, anche perché ogni evento, anche apparentemente insignificante, può contenere una rivelazione, ovvero una apocalisse. In attesa dell’ultima data significativa, le 12 e 12 e 12 secondi di quel 12 dicembre 2012, che non a caso è la grande apocalisse attesa. Dopo, il gioco non sarà più ripetibile, a dimostrazione dell’importanza del numero zodiacale 12 nel nostro immaginario collettivo.

Post più popolari