Birropolis


LORENZO BARBERIS.

Bella manifestazione a Mondovì Piazza questo Weekend.

"Birropolis", la due giorni dedicata alla birra di qualità, giunta alla sua seconda edizione, non è forse a stretto rigore nelle competenze di questo blog: ma certamente è cultura, specialmente nell'impronta che gli organizzatori hanno voluto dare alla "Città della Birra", non generica "festa" ma incontro in grado di unire l'intrattenimento e l'approfondimento culturale, con un convegno specialistico che si è tenuto presso il Museo della Ceramica. 

Inoltre, interessante la connessione con i musei e i monumenti affacciati sulla Piazza Maggiore che è stata cornice dell'evento (di cui non ho beneficiato conoscendo ormai a memoria questi luoghi, e avendo già visto le esposizioni).


11876_1396121260664718_905275811_n

Passando all'argomento centrale dell'evento, ovvero le birre presentate, non ho la competenza per entrare nel dettaglio e lascio questa incombenza ai food blogger e ai sommelier.

Però posso notare le birre più esoteriche.



Il podio della birra più "iniziatica" spetta sicuramente ad Anima, di cui vedete il bel logo. "Bersi un'Anima" è qualcosa di vagamente esoterico di per sé; aggiungiamo che i nomi delle birre omaggiano i grandi della tradizione ermetica (Dante, Mozart, etc.) ed il gioco è fatto. Io ho degustato l'Anima di Cleopatra, una bionda di gradazione intermedia, e devo dire che mi è piaciuta molto. 


Certo la più iniziatica sarebbe la Dante, ovviamente birra rossa, che purtroppo in fiera non avevano: lui sì che di anime se ne intendeva.


A proposito di Dante e Rosacroce, va segnalata un'altra buona birra esoterica, sempre naturalmente rossa (questa volta però è una singola birra, non un'intera produzione "ermetica"): la Rossa dei Templari.


Passando invece alla componente musicale, le due serate hanno visto due bei concerti, nella perfetta tradizione del connubio tra birra e rock.



Sia i Soundsgood, nella sera di sabato, sia gli Invisibili, che hanno suonato domenica, si sono rivelati molto bravi.

Insomma, un altro evento che sta contribuendo a rilanciare la mia amata Mondovì. Non resta da augurarsi che cresca sempre di più, e che funga da modello per altre esperienze simili, che sappiano finalmente valorizzare una delle città più belle del Piemonte.

Post più popolari