Biennale dell'Iperrealismo


LORENZO BARBERIS

L'amica Angela Greco, pittrice monregalese, ci segnala come di consueto la sua partecipazione a un'interessante esposizione, la Biennale dell'Iperrealismo tenutasi in questi giorni a Milano.


La mostra, curata dal critico Giorgio Grasso, ha presentato varie ricerche operanti in questo particolare genere d'arte.



La brava Angela, oggi nota soprattutto a Mondovì per le sue opere astratte, basate su filiformi anime vagamente antropomorfe che si muovono su sfondi dai colori eterei e surreali, ha così portato qui un esempio della sua produzione già precedente, maggiormente realistica, che vediamo qui sopra.


 (L'opera originale del Bernini, "Il ratto di Proserpina", 1620 c.)

Ma numerose sono anche le altre opere affascinanti, in primis questa rilettura di Lorenzo Bernini che mostra come l'iperrealismo, nel suo rimando al classico, possa ridarci in chiave postmoderna quella sensualità dei corpi e delle carni che l'astrazione - guadagnando in nuovi terreni espressivi - aveva perduto.


E, in effetti, la chiave prevalente sembra essere quella della carnalità dei corpi, maschili e femminili, nudi e vestiti, ma sempre resi nella vibrante vitalità dell'anima e della materia che li compone.







Insomma, indubbiamente una interessante occasione per confrontarsi con un arte non così usuale, ma certamente affascinante, sia a visitarla di persona che virtualmente, in fotografia. Un'occasione di cui ringraziamo Angela, nell'augurio di poter scrivere presto nuovamente dei suoi percorsi nel mondo dell'arte.

Post più popolari