DKMO a Mondovì

LORENZO BARBERIS.

Sabato pomeriggio presenterò nella mia Mondovì - presso le sale del Vescovado - l'antologia di DKMO, un bel progetto in cui sono stato coinvolto grazie agli amici Lorenzo Cimmino e Lorenzo Mari, delle edizioni Il Girovago (una sinergia laurenziana), che hanno curato il progetto. Io mi sono occupato della prefazione della parte letteraria, e ho seguito le interviste online della parte artistica. Riporto qui sotto il comunicato stampa dell'iniziativa; per chi è interessato, ci vediamo a Mondovì (o a Torino, alla Fiera del Libro).



Il respingimento, il rifiuto, l’esclusione. Sono questi i temi al centro di DON’T KICK ME OUT, un’antologia e un libro d’arte in uscita a marzo per la “giovane” collana Il Girovago (www.ilgirovago.com) della casa editrice bolognese Edizioni Nuova S1 (www.nuovas1.it).
DON’T KICK ME OUT è una “chiamata alle arti” che si propone di ascoltare le voci più diverse e rispondere, in modi sempre nuovi, ad alcuni interrogativi che hanno una portata storica e geografica molto ampia. 

Il progetto, infatti, nasce da una citazione tratta da una poesia di Emanuel Carnevali, Il Ritorno (1924): «O Italy, o great boot / Don’t kick me out again!» (O Italia, grande stivale / non cacciarmi di nuovo a pedate), mostrando così come DON’T KICK ME OUT fosse emerso già quasi un secolo fa, al ritorno del poeta bolognese dopo anni da emigrante negli Stati Uniti.  
Proprio a partire da questa citazione, DON’T KICK ME OUT ha lanciato un bando nel 2015 e oggi ne presenta i risultati come progetto artistico vero e proprio. 

Sono 45 gli autori che, attraverso molteplici linguaggi (prosa, poesia, pittura, illustrazione, fumetto, fotografia, design, video), si sono misurati su alcune dinamiche nel nostro immaginario condiviso e sempre di più all’ordine del giorno: dalle esperienze di migrazione alle posizioni delle élite intellettuali, dalle situazioni intime e famigliari ai traumi del lavoro. 
L’impegno comune è stato quello di evitare la polemica sterile, le lamentazioni vittimistiche, o anche la retorica dell’inclusione e della tolleranza come fine a se stessa, per tornare a dialogare su tutti questi temi senza indulgere in semplificazioni.
La risposta a DON’T KICK ME OUT, documentata dal libro, raccoglie alcune delle voci più interessanti del momento, tra debuttanti e artisti affermati a livello nazionale e internazionale. Proprio questi ultimi hanno voluto idealmente tenere a battesimo il progetto attraverso i loro contributi: Paolo Cossi per il fumetto e l'illustrazione; Stefania Fersini e Cristina Gardumi per la pittura, Piergiorgio Robino (Studio Nucleo), Adriana Napolitano e Carnovsky per il design; Emiliano Ereddia, Nicola Bonazzi, Cristiana Astori e Uche Nduka (per la prima volta tradotto in Italia) per la letteratura; URFAUT per la fotografia.  
Arricchiscono il libro i saggi a cura di Roberto Mastroianni (filosofo, curatore, critico d'arte e ricercatore presso l'Università di Torino) e di Lorenzo Barberis (scrittore e critico d'arte).

A riprova del fatto che l'intero progetto è rivolto alla divulgazione e all'incontro di diversi linguaggi, la casa editrice ha voluto mantenere il prezzo di copertina al limite della copertura delle spese (solo 10 euro per questa prima edizione), proponendo DON’T KICK ME OUT, innanzitutto, come matrice di dialogo, conversazione e nuove iniziative. 

La prima edizione, a tiratura limitata (solo 800 copie numerate), avrà un’ulteriore “impronta artistica”: ogni copia è infatti unica e irripetibile, grazie al contributo del designer Piergiorgio Robino che impreziosirà ogni singolo volume, intervenendo direttamente su una pagina con una sua opera originale.

Info e modalità per avere il libro: Edizioni Nuova S1 - www.nuovas1.it - info@nuovas1.it - tel 051 346050



Post più popolari