Novels & Nobels. Dylan, Bob


LORENZO BARBERIS.

Proseguo il discorso iniziato qui.

Ieri, dicevo, è stata una giornata di strane coincidenze letterarie.
Muore Dario Fo, a novant'anni.
L'ultimo Nobel italiano, nel 1997.
Nel giorno del Nobel a Bob Dylan, che rivoluziona di nuovo il premio letterario
(è anche l'anniversario della caduta dei templari, ma non sono così complottista).

Dylan & Dog

Nato nel 1941 come Robert Zimmerman, a diciassette anni viene folgorato sulla via del Folk (1958) e dal poeta gallese Dylan Thomas, di cui riprende il nome come cognome d'arte, diventando Dylan, Robert ovvero Dylan, Bob nel 1962.

A Dylan Thomas si ispirerà anche uno dei più importanti fumetti italiani di sempre, che nel suo pantheon potrebbe benissimo avere anche Dylan Bob: ma di questo, parlo qui.

Tornando a Dylan, nel 1963 appare la sua canzone più famosa, "Blowin' in the wind"

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
How many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?
Yes, and how many times must the cannon balls fly
Before they're forever banned?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind
Yes, and how many years can a mountain exist
Before it's washed to the sea?
Yes, and how many years can some people exist
Before they're allowed to be free?
Yes, and how many times can a man turn his head
And pretend that he just doesn't see?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind
Yes, and how many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, and how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, and how many deaths will it take 'till he knows
That too many people have died?
The answer, my friend, is blowin' in the wind
The answer is blowin' in the wind




Con questa canzone, Dylan diviene l'alfiere del movimento pacifista degli anni '60, che è convinto che "la risposta soffi nel vento", che si prepari una età di cambiamento pacifico. Un tema che ritorna anche in "The times they are a-changin'" (1963).

Come gather 'round people where ever you roam
And admit that the waters around you have grown
And accept it that soon you'll be drenched to the bone
If your time to you is worth savin'
Then you better start swimmin' or you'll sink like a stone,
For the times they are a' changin'!
Come writers and critics who prophesy with your pen
And keep your eyes wide the chance won't come again
And don't speak too soon for the wheel's still in spin
And there's no tellin' who that it's namin'
For the loser now will be later to win
For the times they are a' changin'!
Come senators, congressmen please heed the call
Don't stand in the doorway don't block up the hall
For he that gets hurt will be he who has stalled
There's a battle outside and it's ragin'
It'll soon shake your windows and rattle your walls
For the times they are a' changin'!
Come mothers and fathers throughout the land
And don't criticize what you can't understand
Your sons and your daughters are beyond your command
Your old road is rapidly agin'
Please get out of the new one if you can't lend your hand
For the times they are a' changin'!
The line it is drawn the curse it is cast
The slow one now will later be fast
As the present now will later be past
The order is rapidly fadin'
And the first one now will later be last
For the times they are a' changin'!

Una canzone che, con altre di Dylan, sarà l'ossatura di "Watchmen" (1986), il fumetto che ha cambiato il fumetto, almeno supereroico, di Alan Moore. Ripresa anche, tra l'altro, nel discreto adattamento filmico (il meno infedele di tutti quelli mooriani) nei bei titoli di testa (nell'opera originaria, si connetteva, se non erro, al profumo "Nostalgia").



La vera canzone d'ossatura (e di apertura) è, in realtà, Desolation Row (1966) in cui si parla di "supereroi":

Now at midnight all the agents
And the superhuman crew
Come out and round up everyone
That knows more than they do
Then they bring them to the factory
Where the heart-attack machine
Is strapped across their shoulders
And then the kerosene
Is brought down from the castles
By insurance men who go
Check to see that nobody is escaping
To Desolation Row

In Watchmen ritorna anche All Along The Watchtower (inevitabilmente, per il tema del "watch", orologio/guardare), canzone nota anche per la ripresa da parte di Jimi Hendrix (la grandezza di Bob Dylan è anche nelle grandi riprese d'autore che ha ispirato, ben oltre il concetto puro di "cover"). Una "triade di Watchmen" ripresa anche nel film.

There must be some kind of way outta here
Said the joker to the thief
There's too much confusion
I can't get no relief
Business men, they drink my wine
Plowman dig my earth
None were level on the mind
Nobody up at his word
Hey, hey
No reason to get excited
The thief he kindly spoke
There are many here among us
Who feel that life is but a joke
But, uh, but you and I, we've been through that
And this is not our fate
So let us stop talkin' falsely now
The hour's getting late, hey
All along the watchtower
Princes kept the view
While all the women came and went
Barefoot servants, too
Outside in the cold distance
A wildcat did growl
Two riders were approaching
And the wind began to howl


La canzone è anche il titolo finale di Battlestar Galactica, forse la migliore serie di fantascienza pura mai realizzata, sicuramente quella che più fedelmente ha trasposto sul piccolo schermo i concetti geniali di Philip Dick.

Ma in fondo, Bob Dylan è geniale anche con testi minimi, come quello di Knocking On Heaven's Door, ripresa dai Guns N' Roses, forse l'ultimo grande gruppo rock, ormai nei '90.

Mama, take this badge off of me
I can't use it anymore
It's gettin' dark, too dark to see
I feel like I'm knockin' on heaven's door

Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door

Mama, put my guns in the ground
I can't shoot them anymore
That long black cloud is comin' down
I feel like I'm knockin' on heaven's door

Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door
Knock, knock, knockin' on heaven's door

E cento altre canzoni si potrebbero citare.
Certo, gli accademici irritati oppongono con più o meno acredine che "Bob Dylan non è poesia" in quanto collegata alla musica.

Ora, l'obiezione avrebbe un fondo di verità se il premio al rock divenisse una consuetidine, falsando in questo senso la ratio del Nobel.

Così come non avrebbe avuto senso che, dopo Dario Fo, si premiassero Carlin, Paolini, Claudio Bisio e via giù nella lunga processione degli Stand Up Comedian. Ma, invece, riconoscere che quel teatro è letteratura, ecco, quello è stato un riconoscimento importante (tramite l'autore pioniere di tale concezione, non solo in Italia).

E quindi il Nobel a Dylan, come Nobel al Rock, mi pare un tributo doveroso, e forse qualcosa che segna - o meglio riconosce - un punto di svolta ormai irreversibile.

Nel '200, agli albori della letteratura moderna, la lirica siciliana poneva la rinascita della poesia con l'abbandono della parte musicale, tipica fino allora della poesia cortese. Un modo per stabilire, una volta per tutte, il valore autonomo del Testo, portatore di significato filosofico: al punto di avere una valenza indipendente dalla sua connessione musicale.

Il continuum siciliano è proseguito con gli stilnovisti, con Dante, Petrarca, petrarchisti e via a scendere fino ad Eugenio Montale, Nobel ermetico del 1975, che stabiliva la "morte della poesia" (ponendosi così, implicitamente, come ultimo poeta).

Montale aveva, sostanzialmente, ragione. Dopo la stagione degli Ermetici, non vi furono altre voci poetiche pure in grado di incidere così profondamente nella cultura mondiale. Ma Montale sbagliava (o ci vedeva fin troppo bene) nello svilire la parola poetica connessa alle "canzonette", da lui liquidate come puramente commerciali.

Almeno dai Sessanta (ma anche prima, in verità, vi sarebbe molto da scavare) Musica e Poesia avevano tornato a marciare a braccetto alla musica di un Tambourine Man. E il loro primo cantore non può che essere segnato in Bob Dylan.

Ora non resta che un nuovo passo avanti, magari prima di altri vent'anni:
il Nobel al Fumetto.

E, implicitamente, Dylan contiene già delle indicazioni per comprendere a chi dovrebbe andare; a chi, se mai avvenisse, probabilmente andrà.




Post più popolari