2010-2020. Un decennio online.



Il blog l'ho aperto nel lontano 2008, ma gli anni '10 hanno rappresentato l'inizio delle mie collaborazioni online (di solito, conseguenza del blog stesso, appunto). Nell'avvio di questa nuova decade mi piace ricordare questo percorso:

2010-2012. Wundergammer.
Rivista ora defunta, che intendeva fare una sorta di critica letteraria del videogame. Il significato della rivista lo spiegavo qui. La rivista è poi defunta e l'unico mio articolo apparso sulla stessa conservatosi è uno ripreso da un altro blog dedicato a Bolano, qui.

2013-2014. Margutte.
Margutte invece esiste ancora, qui, e viene continuato da alcune delle persone con cui l'avevo fondato in quel 2013, una volta chiusa l'esperienza di Wundergammer. Qui ci sono i miei articoli apparsi sul blog, con ancora qualche apparizione fino al 2018, anche con repost di vecchi articoli o occasionali comparse, ma di fatto terminata nel 2017. L'idea era abbastanza diversa, era una rivista con focus soprattutto sulla poesia, nata da una redazione monregalese. In termini assoluti, non rinnego l'esperienza, comunque interessante, anzi la ricordo con piacere: il nome è stato una mia proposta, accolta volentieri dagli altri partecipanti, e occupandomi della creazione della pagina ho avuto modo di impratichirmi con l'uso di wordpress. Tuttavia mi ha anche fatto capire che mi interessa relativamente meno scrivere di letteratura "pura", mentre mi piace maggiormente una cornice dove questa possa essere declinata: letteratura ed esoterismo, letteratura e fumetto, letteratura e fantascienza, per dire.

2015. Don't Kick Me Out.
Questo non è stato proprio un sito, più un progetto collegato a un sito: quello di un libro - di cui ho firmato la prefazione alla parte letteraria - sulle eccellenze artistiche italiane all'estero. Un progetto dell'editrice Il Girovago, cui hanno partecipato alcuni dei nomi che avevo conosciuto con Wundergammer (ma non solo). Il sito è qui, su tumblr.

2016. Lo Spazio Bianco.
Una piccola svolta arriva nel 2016 con l'avvio della collaborazione a Lo Spazio Bianco dove creo anche un mio blog, "Come un romanzo", dedicato al tema letteratura e fumetto (che è il tema preminente anche nei miei interventi sul sito vero e proprio). Lo spazio bianco esiste dal 2002, è la più longeva realtà di critica del fumetto online in Italia, ed è sicuramente la mia collaborazione più significativa.

2017. Culture Club 51
Forse anche dopo aver notato il mio lavoro su Lo Spazio Bianco, il settimanale della mia città, Mondovì, mi ha contattato per collaborare al loro progetto di una rubrica dedicata alla cultura pop, che ha ampliato la loro rivista musicale pop (dal 2009), Culture Club 51. I miei interventi su questo portale, spesso apparsi anche sul giornale cartaceo, si possono trovare qui. Con questa nuova collaborazione locale ho interrotto la prima, quella legata a Margutte, che è sopravvissuta autonomamente.

2018. Nerdcore
Nerdcore è la testata creata da Lorenzo Fantoni, inizialmente come suo blog personale, poi esteso al contributo di altri fino a divenire una rivista online. Apprezzo molto Fantoni come giornalista videoludico e non solo, e mi fa molto piacere questa collaborazione (che, per non sovrappormi troppo a Lo Spazio Bianco, cerco di dedicare ad altri aspetti della cultura pop rispetto al fumetto). L'unico dubbio che posso avere al proposito è quello di non amare molto, personalmente, la definizione "nerd", cui preferisco nettamente quella di "cultura pop". Per il resto, ritengo il sito decisamente buono come "generalista" sugli argomenti che mi interessano, anche per il taglio, di indubbia qualità. I miei pezzi si possono leggere qui.

2019. Popcore, NRDF ed altro
Nel 2019 Nerdcore ha avuto una svolta interessante (anche se, ad essere onesti, incompiuta e da rivedere): l'apertura di una pagina "gemella", Popcore, che vorrebbe avere un taglio più generalista. Non ha del tutto funzionato (a differenza di Nerdcore che è ormai consolidata): probabilmente per la difficoltà di stabilire una demarcazione tra "nerd" e "pop" che non è immediata (a mio avviso, è legata più a un differente approccio che a differenti temi). Peccato, perché sentirei più mia la definizione, in teoria; però vi tratterei di fatto i temi che sono considerati più "da Nerdcore" (che, con l'idea di numeri mensili tematici, le "Core Stories", ha fatto in questo stesso anno un salto interessante di qualità). I miei pezzi si trovano qui.

Inoltre, per LSB ho invece iniziato a curare Nella rete del fumetto, la rubrica dedicata al webcomic. Questo sia sul sito, come curatore della rubrica, che seguendo la pagina facebook dedicata

Nell'imminenza del passaggio a questo 2020 sono giunte anche nuove collaborazioni, che saranno però del tutto occasionali (dato che anzi la mia intenzione è quella di un "decluttering", di una ristrutturazione delle mie cooperazioni online per renderle più snelle e più efficaci).

Per FumettiAvventura, sito di analisi bonelliana che si affianca a quello storico degli Audaci (dove ho avuto il piacere di essere talvolta citato, specie per Dylan Dog), ho collaborato a un numero speciale a 4 mani su Dylan Dog e alla classifica di fine anno dei migliori fumetti bonelliani.

Ho realizzato anche un pezzo per Giornale Pop, altra testata "di cultura pop", approfondendo uno spunto da loro lanciato.

E con questo concludo questo excursus sulla decade conclusa, proponendomi come buona intenzione di questo 2020 un ripensamento più razionale e meno dispersivo dei miei interventi.

Post più popolari