I nuovi roaring twenties del fumetto.



Alcuni accenni dei miei scritti di fumetto di febbraio. Sull'Unione ho presentato sinteticamente gli anni '20 del fumetto del Novecento, in un piccolo speciale dedicato alle ricorrenze culturali in occasione di questi "nuovi anni '20".

Su Lo Spazio Bianco, invece, ho analizzato un brillante saggio sui fumetti di propaganda (non proprio negli anni '20, ma a partire dall'uso dei fascismi e fino al 1945...) che va a integrare il quadro che mi sto facendo sulla saggistica sul fumetto (e che riprenderò in futuro anche qui).

Questo fumetto di Filosa, Italo, è molto interessante, e a mio avviso - insieme a poche altre cose - è destinato a segnare questo 2020.

Vanna Vinci a me piace molto, per il suo penchant per il fumetto ermetico, e qui ho scritto di un vecchio fumetto che avevo ma dovevo ancora leggere.

Questo fumetto di Bonaccorso e Rizzi sulla Shoah, che ho preso per la giornata della memoria, è molto interessante (e ne ho parlato anche sull'Unione).

Infine, questa biografia di Mary Talbot, che mescola la sua biografia a quella di Lucia Joyce, è un piccolo gioiello (e così, senza che lo abbia fatto apposta, abbiamo anche un buon equilibrio di genere: due autori e due autrici).

Sul sito ho scritto un piccolo pezzo sui portali di webcomics (vedi gli ultimi post qui), un'intervista a Rusty Dogs (alcune domande sono mie, insieme al buon Padovani) e soprattutto la recensione di Negri Gialli, che è un'opera davvero potente.

Su Nerdcore ho scritto, oltre che di Dylan Dog 401 (di cui avevo già ricondiviso qui) questo pezzo su un fondante film di supereroi anni 2000. Cinema, ma cinecomics, quindi in fondo i fumetti ritornano sempre.

Insomma, anche questi anni '20 sembrano vedere una notevole presenza del fumetto. E se i vecchi anni '20 hanno visto la formazione delle prime grandi icone fumettistiche, da Popeye a Topolino, questi nuovi anni '20 forse vedranno il definitivo consolidarsi della legittimazione del medium, dopo gli anni zero del graphic novel e gli anni 10 del webcomic.





Post più popolari